Il vero significato del distacco buddista e perché la maggior parte di noi sbaglia

Il vero significato del distacco buddista e perché la maggior parte di noi sbaglia

Se hai mai letto testi buddisti, probabilmente hai sentito parlare di distacco o di lasciar andare. È un concetto potente, ma molte persone tendono a fraintenderlo.

Mentre alcune persone pensano che sia negativo, il non attaccamento in realtà fornisce diversi vantaggi a tutti.



Per capire il vero significato, abbiamo trovato un file grande capitolo dell'esperto di consapevolezza Osho che spiega in dettaglio cosa significa veramente distacco.

Di seguito abbiamo riassunto i suoi eccellenti insegnamenti.

Che cosa significa veramente distacco

Il dizionario di Oxford definisce il distacco come uno 'stato dell'essere oggettivo o distaccato'.

Osho dice che essere obiettivi è considerato potente nel praticare il distacco, tuttavia essere distaccati non è particolarmente utile.

Quando diventi emotivamente distaccato, sei disconnesso dai tuoi sentimenti. Non sei davvero coinvolto nella vita.

Tuttavia, il vero distacco che è ispirato dal buddismo zen significa un profondo coinvolgimento nella vita - perché c'è una mancanza di attaccamento al risultato.



Come ha scritto l'autore spirituale Ron W. Rathbun, 'Il vero distacco non è una separazione dalla vita ma l'assoluta libertà nella tua mente di esplorare la vita'.

Qui Osho spiega come sapere se stai vivendo un vero distacco o indifferenza:

“Non è difficile saperlo. Come fai a sapere quando hai mal di testa e come fai a sapere quando non hai mal di testa? È semplicemente chiaro.

“Quando cresci nel distacco diventerai più sano, più felice; la tua vita diventerà una vita di gioia. Questo è il criterio di tutto ciò che è buono. La gioia è il criterio. Se stai crescendo nella gioia, stai crescendo e stai andando verso casa ... Se ti stai spostando nel distacco, l'amore crescerà, la gioia crescerà, solo gli attaccamenti cadranno - perché gli attaccamenti portano miseria, perché gli attaccamenti portano schiavitù, perché gli attaccamenti distruggono la tua libertà.

“Ma se stai diventando indifferente…. L'indifferenza è una pseudo-moneta, sembra distacco, ma SEMBRA solo distacco. Niente crescerà in esso. Ti rimpicciolirai e morirai ...

'Attenzione. Ogni volta che qualcosa va storto ci sono indicazioni nel tuo essere. La tristezza è un indicatore, la depressione è un indicatore; gioia, la celebrazione è anche un indicatore. Se ti muovi verso il distacco, ti succederanno più canzoni.



“Ballerai di più e diventerai più amorevole. Ricorda, l'amore non è attaccamento, l'amore non conosce attaccamento e ciò che conosce l'attaccamento non è amore.

“Questa è possessività, dominio, attaccamento, paura, avidità - possono essere mille e una cosa, ma non è amore. In nome dell'amore sfilano altre cose, in nome dell'amore si nascondono altre cose, ma sul contenitore è incollata l'etichetta “amore”. Dentro troverai molti tipi di cose ma non l'amore. '

Come puoi sapere se sei attaccato?

Osho dice che quando sei attaccato a un oggetto, un obiettivo, un sogno o un'altra persona, ci sono sentimenti che ti dicono: 'Se non ce l'ho, non sarò completo'.

Questi possono essere sentimenti come ansia, paura, rabbia, gelosia, disperazione, tristezza, disconnessione, orgoglio o vanità.

Perché ci attacciamo?

Un malinteso comune sulla felicità è che se ottieni tutte le cose che desideri, sarai felice. Tuttavia, la realtà è l'opposto, secondo Osho.



Per acquisire qualcosa, devi rinunciare al tuo attaccamento ad averlo.

Quando riconosci che l'unica vera fonte di sicurezza è vivere come te vero se, puoi staccare più facilmente.

Come ci attacciamo nella vita di tutti i giorni

Ora va bene e va bene leggere cosa significa attaccamento, ma che aspetto ha l'attaccamento nella vita di tutti i giorni?

L'attaccamento è connesso all'ego. L'ego è una costruzione di te stesso che hai costruito in anni di condizionamento. È quello che credi di essere, ed è anche ciò che ti separa da tutte le altre cose o persone.

Quando sei attaccato al tuo ego, sei attaccato a come ti vedi essere.

Quindi, quando la realtà non corrisponde a quell'immagine, il tuo attaccamento ti causa dolore.

Per esempio:

- Quando non sei in grado di raggiungere i tuoi obiettivi personali sul lavoro che ti sei prefissato, metti in discussione le capacità che pensavi di avere.

- Quando scopri che il tuo partner l'ha fatto ti ho tradito , la tua idea di come sarebbe stata la tua futura famiglia è andata in frantumi.

L'attaccamento nella vita è molto simile alle aspettative. Quando la tua vita non è all'altezza delle aspettative, provi dolore.

5 passaggi per staccare e lasciarsi andare

È importante ricordare che il distacco è uno stato mentale e che sarai sempre minacciato dall'attaccamento. Come essere umano, è naturale.

Ma la mentalità distaccata è quella che comprende l'importanza di vivere con il flusso naturale delle cose e rispettare l'impermanenza di tutta la vita.

Ci sono molti modi per adottare questa mentalità in modo più coerente nella tua vita quotidiana.

Ecco 5 modi:

1. Osserva la tua mente

Prova a fare un passo indietro dalla tua mente e osserva i tuoi pensieri. Con cosa ti stai identificando di più? Quali sono i tuoi schemi di pensiero condizionati? Inizierai a notare che la mente, o l'ego, non sei veramente tu, il che ti darà un'enorme liberazione.

Riconosci che quando a emozione negativa viene, probabilmente è per attaccamento. L'osservazione è il primo passo per cambiare.

Ecco un ottimo passaggio di Eckhart Tolle sull'osservazione della mente:

“Resta presente e continua ad essere l'osservatore di ciò che sta accadendo dentro di te. Diventa consapevole non solo del dolore emotivo ma anche di 'colui che osserva', l'osservatore silenzioso. Questo è il potere dell'Adesso, il potere della tua presenza cosciente. Poi guarda cosa succede. '

2. Distinguere tra la voce dell'ego e la situazione attuale

La tua mente o il tuo ego potrebbero dirti che non ottenere il lavoro che desideri ha rovinato la tua carriera.

Il vero motivo è che sei deluso per qualcosa che non hai mai avuto in primo luogo. Non ci sono state perdite.

Nulla è cambiato tranne quello che hai percepito come il tuo futuro.

Ecco alcuni esempi di cosa potrebbe pensare l'ego e quale pensiero puoi invece sostituirlo con:

Ego: Sono una vittima delle circostanze.
Pensa invece: Creo la mia realtà.

Ego: Sono vivo temporaneamente e questo è spaventoso.
Pensa invece: Sono vivo temporaneamente e questo è fantastico.

Ego: Sono in competizione con il mondo.
Pensa invece: Sono in armonia con il mondo.

3. Abbraccio incertezza

Più facile a dirsi che a farsi, ma abbracciare l'ignoto fornisce effettivamente sicurezza.

Abbracciare l'incertezza porta alla massima libertà. Quando nulla è certo, tutto è possibile.

Per abbracciare l'incertezza, quello che devi capire è che non puoi controllare tutto. In effetti, in un mondo così complesso come il nostro, abbiamo davvero poco controllo.

C'è solo una cosa che possiamo controllare, ed è il nostro atteggiamento.

Deepak Chopra ha alcune grandi parole su cui riflettere:

“Coloro che cercano sicurezza nel mondo esterno la inseguono per tutta la vita. Lasciando andare il tuo attaccamento all'illusione della sicurezza, che in realtà è un attaccamento al conosciuto, entri nel campo di tutte le possibilità. Qui è dove troverai la vera felicità, abbondanza e appagamento '.

4. Medita

Meditazione è una pratica fantastica per fare un passo indietro dalla tua mente e osservare cosa sta succedendo.

La nostra mente è condizionata al desiderio e all'infelicità quando le cose non vanno come vogliamo. Dovrai osservare la tua mente e avere una visione oggettiva della realtà di ciò che sta realmente accadendo.

Se stai cercando di iniziare una pratica di meditazione, è più facile da usare esercizi di respirazione per andare avanti.

Una tecnica che condividerò ora si chiama 'respirazione equa'. Ci sono altre tecniche di respirazione che puoi provare, ma questa è probabilmente la più semplice, per cominciare.

Come è fatto:

Per eseguire questa tecnica di respirazione, prima inspira attraverso il naso contando fino a 4, quindi espira dal naso contando fino a 4.

Se sei il tipo a cui piace migliorare costantemente in qualcosa, nel tempo puoi aumentare il numero di secondi per cui inspiri ed espiri. Assicurati solo che sia uguale.

Gli yogi generalmente fanno 6-8 conteggi per respiro. Ciò contribuirà a calmare il sistema nervoso e ridurre lo stress.

Ricorda, l'obiettivo principale di questa tecnica è equalizzare il tuo respiro.

Man mano che diventi più esperto, ti sentirai più a tuo agio aumentando le tue inspirazioni ed espirazioni, il che ti renderà ancora più rilassato.

5. Cerca di vivere di più nel momento presente

C'è solo una cosa che esiste: il momento presente.

Eppure molti di noi trascorrono le giornate persi nei rimpianti del passato o nelle preoccupazioni per il futuro.

“Concentrati sulle opportunità, non sulle battute d'arresto. Concentrati su ciò che puoi fare, non su ciò che non puoi. Concentrati sul momento presente, non sul passato o sul futuro. Potenzia te stesso! ' - Akiroq Brost

È qui che può entrare la consapevolezza per aiutare a vivere il momento presente. Nel libro Mindfulness for Creativity , Danny Penman afferma che le pratiche di consapevolezza possono aiutarti ad essere più aperto a nuove idee, possono migliorare l'attenzione e nutrire coraggio e resilienza di fronte alle battute d'arresto.

Inoltre, vivere nel momento presente intrinsecamente ti impedisce di provare un attaccamento alle idee e a come le cose 'dovrebbero essere'.

Se hai seguito i passaggi precedenti e capisci cosa vuoi fare della tua vita, è importante agire concretamente per renderlo realtà.

Ecco alcuni suggerimenti per intraprendere un'azione significativa nel momento presente:

  1. Concentrati solo su singole attività, non importa quanto sia piccolo.
  2. Svolgi i tuoi compiti a un ritmo lento e rilassato. Prendilo e divertiti.
  3. Riduci al minimo il controllo di cose come Facebook. Sono distrazioni che ti allontanano dal compito che stai svolgendo.
  4. Dì a te stesso: ora io sono ... mentre fai qualcosa, dì semplicemente a te stesso cosa stai facendo. Se ti stai lavando i denti, dillo a te stesso e fallo solo.
  5. Inizia una pratica di meditazione. Questo è un ottimo modo per imparare a calmare la mente e migliorare la concentrazione. Scoprirai che sei più produttivo quando la tua mente è lucida e sai cosa devi fare.

6. Non picchiarti

Quando provi emozioni negative, non arrabbiarti con la tua vita. Abbraccia tutte le sfaccettature della vita e sii grato di essere effettivamente consapevole di ciò che stai provando.

Abbiamo la vita solo una volta, quindi godiamoci la vita in tutti i modi possibili: il buono, il brutto, l'amaro-dolce, il crepacuore - tutto!

Osho spiega perché abbracciare le nostre emozioni è così importante:

“La tristezza dà profondità. La felicità dà altezza. La tristezza mette radici. La felicità dà rami. La felicità è come un albero che va in cielo e la tristezza è come le radici che scendono nel ventre della terra. Entrambi sono necessari, e più un albero va in alto, più va in profondità, simultaneamente. Più grande è l'albero, più grandi saranno le sue radici. In effetti, è sempre proporzionato. Questo è il suo equilibrio. '