Lottando con il pensiero eccessivo? Un maestro spirituale ha un messaggio che devi ascoltare

Come smettila di pensare troppo qualunque cosa?

Non è una domanda facile a cui rispondere.



Alcune persone ti consigliano di 'vivere il momento'. Altri ti dicono di sforzarti di smettere di pensare così tanto.

Sebbene questi due consigli siano comuni, quasi sempre peggiorano le cose.

Tuttavia, guru spirituale e anima saggia Osho ha un approccio diverso. Dice che dobbiamo imparare a diventare un 'osservatore della mente'.

Cosa significa?

Significa che fai un passo indietro dalla tua mente e sei testimone di quello che sta succedendo senza cercare di cambiarlo.

Leggi il passaggio sottostante in cui Osho spiega brillantemente come procedere.



Come smettere di pensare troppo

Secondo Osho, la prima cosa di cui dobbiamo renderci conto è che il pensiero non può essere fermato. Si ferma solo quando la mente è lasciata sola:

“PENSARE non può essere fermato. Non che non si fermi, ma non si possa fermare. Si ferma da solo. Questa distinzione deve essere compresa, altrimenti puoi impazzire inseguendo la tua mente. L'assenza di mente non sorge smettendo di pensare. Quando il pensiero non c'è più, non c'è mente. Lo stesso sforzo per fermarti creerà più ansia, creerà conflitti, ti farà dividere. Sarai in un costante tumulto interiore. Questo non aiuterà. '

Tuttavia, Osho ammette che se provi a smettere di pensare con la forza, potresti riuscire. Tuttavia, avverte che non sperimenterai la vera quiete:

“E anche se riesci a fermarlo con la forza per pochi istanti, non è affatto un risultato - perché quei pochi momenti saranno quasi morti, non saranno vivi. Puoi sentire una sorta di quiete, ma non di silenzio, perché una quiete forzata non è silenzio. Al di sotto, nel profondo dell'inconscio, la mente repressa continua a lavorare. Quindi, non c'è modo di fermare la mente. Ma la mente si ferma, questo è certo. Si ferma da solo. '

Invece, Osho dice che è molto più fruttuoso imparare l'arte dell'accettazione e osservare semplicemente la mente lavorare:

'Guarda, non cercare di fermarti. Non è necessario fare alcuna azione contro la mente. In primo luogo, chi lo farà? Sarà la mente a combattere la mente stessa. Dividerai la tua mente in due; uno che sta cercando di comandare - il top-dog - cercando di uccidere l'altra parte di se stesso, il che è assurdo. È un gioco sciocco. Può farti impazzire. Non cercare di fermare la mente o il pensiero - guardalo e permettilo. Permettigli totale libertà. Lascialo correre veloce quanto vuole. Non cerchi in alcun modo di controllarlo. Sii solo un testimone. È bella!'



Osho dice che nel tempo, inizierai a creare un divario tra l'osservatore e la mente, che lui poeticamente chiama 'un assaggio di Zen'.

“Più profonda diventa la tua vigilanza, più profonda diventa la tua consapevolezza e iniziano a sorgere delle lacune, a intervalli. Un pensiero scompare e un altro non è arrivato, e c'è un intervallo. Una nuvola è passata, un'altra sta arrivando e c'è un vuoto. In quelle lacune, per la prima volta avrai barlumi di non-mente, avrai il sapore della non-mente. Chiamalo gusto dello Zen, o Tao o Yoga. In quei piccoli intervalli, improvvisamente il cielo è limpido e il sole splende. All'improvviso il mondo è pieno di mistero perché tutte le barriere sono cadute. Lo schermo sui tuoi occhi non c'è più. '

Attraverso la testimonianza senza attaccamento, Osho dice che alla fine questo ti darà un maggiore controllo sulla mente.

“La testimonianza senza attaccamento è il modo per fermarla senza alcuno sforzo per fermarla. E quando inizi a goderti quei momenti felici, la tua capacità di trattenerli per periodi più lunghi aumenta. Alla fine, alla fine, un giorno, diventi maestro. Poi, quando vuoi pensare, pensi; se il pensiero è necessario, lo usi; se il pensiero non è necessario, gli permetti di riposare. Non che la mente semplicemente non sia più lì: la mente è lì, ma puoi usarla o non usarla. Adesso è una tua decisione. Proprio come le gambe: se vuoi correre le usi; se non vuoi correre, riposa semplicemente: le gambe ci sono. '

Quindi, quali tecniche possiamo usare per calmare la mente? In primo luogo, Osho mette in guardia contro la droga:



“La mente moderna ha molta fretta. Vuole metodi immediati per fermare la mente. Quindi, le droghe hanno fascino. Mm? - puoi costringere la mente a smettere usando sostanze chimiche, droghe, ma ancora una volta sei violento con il meccanismo. Non è buono. È distruttivo. In questo modo non diventerai un maestro. Potresti riuscire a fermare la mente attraverso le droghe, ma poi le droghe diventeranno il tuo maestro - non diventerai il maestro. Hai semplicemente cambiato i tuoi capi e sei cambiato in peggio. '

Invece, Osho dice che usare una tecnica come la meditazione è il modo corretto per controllare la mente, perché stai semplicemente seduto loro e osservi la mente, senza combatterla.

“La meditazione non è uno sforzo contro la mente. È un modo per comprendere la mente. È un modo molto amorevole di testimoniare la mente - ma, naturalmente, bisogna essere molto pazienti. Questa mente che ti porti in testa è sorta nel corso di secoli, millenni. La tua piccola mente trasporta l'intera esperienza dell'umanità - e non solo dell'umanità: degli animali, degli uccelli, delle piante, delle rocce. Hai passato tutte quelle esperienze.

Tutto quello che è successo fino ad ora è accaduto anche in te. In poche parole, porti l'intera esperienza dell'esistenza. Ecco cos'è la tua mente. In effetti, dire che è tuo non è giusto: è collettivo; appartiene a tutti noi. '