La pancetta va a male? Come dire che è andato a male

La pancetta va a male? Come dire che è andato a male

Il bacon è un'aggiunta deliziosa a una colazione fritta, ma se lo stai conservando per un trattamento speciale del fine settimana, devi sapere per quanto tempo rimarrà commestibile.

Si può presumere che, poiché la pancetta è stagionata, ha una lunga durata, ma la pancetta va a male? Quanto dura e come fai a sapere se è rovinato?



Il bacon è un prodotto fragile. Sia ad alto contenuto di acqua che di grassi, è ad alto rischio di contaminazione batterica. A causa dell'alto contenuto di sodio, la pancetta ha un minor rischio di ammuffire.

La pancetta deve essere consumata entro due settimane dall'acquisto se conservata in frigorifero – una settimana se hai già aperto la confezione. Congelata, la pancetta va consumata al meglio entro due mesi, anche se andrà bene fino a quattro mesi.

Bacon

GUARDA ANCHE: Come capire se il maiale è cattivo?

Contenuti mostrare
Scadenza e date di scadenza della pancetta
Quanto tempo può stare fuori la pancetta cotta?
Quanto dura la pancetta in frigo?
Come sapere se la pancetta è cattiva?
Che aspetto ha la pancetta cattiva?
Cosa succede se mangi pancetta cattiva?

Scadenza e date di scadenza della pancetta

La pancetta viene spesso con una data di scadenza piuttosto che una data di scadenza. Se c'è una data di scadenza stampata, dovresti sempre rispettarla.

Se c'è un data di scadenza , hai circa sette giorni da questa data per utilizzare o congelare la pancetta.

  • Pancetta – Non aperto – Conservata in frigorifero, la pancetta confezionata durerà una settimana oltre la data di scadenza. Se congelato, circa quattro mesi.
  • Pancetta – Aperto – Confezionata correttamente e conservata in frigorifero, usa la tua pancetta entro una settimana o conservala nel congelatore fino a quattro mesi.
  • Pancetta Cotta – Dovrebbe stare bene conservata correttamente in frigorifero per sette-dieci giorni, o in congelatore fino a sei mesi.
  • pezzi di pancetta – Non aperto, questo prodotto dovrebbe essere commestibile fino a sei mesi dopo la data stampata, in frigorifero o in congelatore. Aperto, si conserva fino a sei settimane in frigorifero o sei mesi in congelatore.
  • Pancetta Canadese/Back Bacon – È meglio consumarlo entro tre o quattro giorni se conservato in frigorifero e sarà della migliore qualità nel congelatore per un periodo compreso tra quattro e otto settimane.
  • Pancetta stagionata, affettata – Questo è uno dei pochi prodotti a base di pancetta che si può conservare in dispensa (prima dell'apertura) e può durare 10 giorni se conservato a temperatura ambiente. In frigorifero, hai quattro settimane per usarlo e nel congelatore fino a tre mesi.
  • Pancetta Stagionata A Secco, Lastra – Poiché lo strato protettivo non è stato compromesso con l'affettatura, questo prodotto può durare circa tre settimane in dispensa, da quattro a sei settimane in frigorifero o tre mesi in congelatore.

Quanto tempo può stare fuori la pancetta cotta?

La pancetta normale, cotta o cruda, non deve rimanere a temperatura ambiente per più di due ore. I batteri crescono rapidamente in ambienti compatibili a temperature comprese tra 40 e 140F. Se hai lasciato la pancetta fuori più a lungo a temperatura ambiente, dovrebbe essere buttata via.



Hai ancora meno tempo se ti trovi in ​​un clima caldo o la stanza è riscaldata.

La pancetta stagionata può rimanere fuori dal frigorifero più a lungo perché è più resistente alla crescita batterica. Se conservata a temperatura ambiente, si conserva bene fuori dal frigo fino a 10 giorni.

Quanto dura la pancetta in frigo?

La pancetta fresca o cruda si conserva per una settimana in frigorifero. Una volta cotto , è sicuro conservarlo per un'altra settimana. Potrebbe perdere un po' di croccantezza una volta raffreddata, ma dovrebbe funzionare bene in insalate e panini.

Se la tua pancetta non è sigillata o confezionata, assicurati di conservarla in un contenitore ermetico all'interno del frigorifero.

La pancetta può anche essere congelata, ma non rimarrà buona a tempo indeterminato nel congelatore.

È importante fare attenzione con la pancetta durante lo scongelamento. Il metodo più sicuro è abbassare lentamente la temperatura spostando la pancetta dal congelatore al frigorifero, dove rimarrà buona fino a una settimana.



Se usi acqua fredda o un forno a microonde per scongelare il bacon, devi cucinarlo immediatamente, non riporlo in frigorifero o nel congelatore dopo lo scongelamento.

Come sapere se la pancetta è cattiva?

Gli amanti del bacon sapranno facilmente se il loro bacon è andato a male. Anche se non usi abitualmente la pancetta, l'odore e l'aspetto della carne sono ottimi indicatori di freschezza.

  1. Controlla la data di scadenza del bacon. Come accennato in precedenza, hai sette giorni dopo una data di scadenza del bacon per utilizzare il prodotto, tuttavia, se è stampata una data di scadenza, dovresti consumare o congelare il prodotto prima di questa data.
  2. Guarda la tua pancetta. La pancetta fresca deve essere rosata o rossastra con striature bianche di grasso. Dovrebbe apparire 'brillante'. Se vedi che i colori iniziano a sbiadire, o cambiano in grigiastro, brunastro o addirittura sviluppano una sfumatura verde, la carne è cattiva e non dovrebbe essere consumata.
  3. Senti la tua pancetta. Qualsiasi sensazione viscida indica che la pancetta è andata a male. Se senti viscida quando tocchi la carne, gettala immediatamente e lavati le mani!
  4. Odore. Il tuo naso ti dirà quando la tua pancetta sta girando. L'odore sarà marcio, acido e rancido. Se rilevi anche un leggero odore sgradevole, non correre il rischio di mangiare la pancetta.

Che aspetto ha la pancetta cattiva?

Il bacon cattivo perderà la sua fresca tonalità rosa-rossa e inizierà a diventare grigio, marrone o forse anche leggermente verdastro. Anche la carne sembrerà opaca, perdendo la sua lucentezza sana.

La crescita batterica può anche presentarsi come punti verdi o neri.

Cosa succede se mangi pancetta cattiva?

Il bacon va a male in due modi: la crescita batterica può renderlo pericoloso e l'irrancidimento può dargli un cattivo odore.



Mentre le alte temperature uccidono molti batteri, alcuni possono sopravvivere e farti ammalare gravemente.

Mangiare pancetta cattiva ti mette a rischio di intossicazione alimentare da una varietà di batteri, tra cui E. coli; Staphylococcus aureus; Toxoplasmosi gondii; campilobatterio; Yersinia e Listeria.

Anche la trichinosi è un rischio elevato, in particolare con i prodotti a base di carne di maiale poco cotti.

Tutti i suddetti batteri possono causare vomito, diarrea, febbre, dolore addominale e affaticamento: l'intossicazione alimentare è nella migliore delle ipotesi molto sgradevole e nella peggiore addirittura pericolosa, quindi non correre rischi inutili quando si tratta di conservare e maneggiare la pancetta.